Doggy bag obbligatoria per i ristoratori italiani

Il Governo italiano sta prendendo una decisione audace per ridurre lo spreco alimentare e promuovere una cultura più sostenibile. Una nuova proposta di legge potrebbe presto rendere obbligatoria la presenza delle doggy bag nei ristoranti di tutto il paese, così come già previsto in Spagna, Francia, Stati Uniti e paesi scandinavi. Un passo che non solo rispecchia una crescente sensibilità ambientale, ma promuove anche la responsabilità individuale.

Firmatari dell’iniziativa sono gli esponenti di Forza Italia Giandiego Gatta e Paolo Barelli, che la definiscono una proposta di buonsenso messa a disposizione dal ristoratore al consumatore qualora questo lo richieda. L’obiettivo della manovra? Ridurre lo spreco attuale di oltre 65 kg di cibo pro capite. 

La doggy bag messa a disposizione dovrà essere idonea al contenimento di alimenti e riciclabile; in caso non sia disponibile verranno previste sanzioni pecuniarie a carico del proprietario del ristorante

La doggy bag porterà alla produzione di nuovi rifiuti” potrebbe pensare qualcuno, ma in realtà così non sarà in quanto l’impatto ambientale non potrà che essere positivo. 

Meno cibo di scarto e quindi sprecato, equivale a una riduzione delle emissioni di gas serra e l’utilizzo di risorse naturali necessarie per la produzione di alimenti. Un sostanziale passo avanti verso la sostenibilità.

La proposta inoltre può essere anche un mezzo per educare il pubblico in merito alle implicazioni dello spreco alimentare. Incentivare le persone a portare a casa gli avanzi, non solo limitando gli sprechi, ma incoraggiando a un cambiamento culturale e orientato a un approccio più responsabile nei confronti del cibo.

Doggy bag: sfida o opportunità per i ristoratori?

Se da un lato la proposta di legge apre la strada a una maggiore sostenibilità, alcuni ristoratori potrebbero inizialmente sperimentare sfide logistiche. 

Una volta però individuate soluzioni idonee al contenimento degli avanzi, queste potrebbero facilmente trasformarsi in opportunità. Impiegando contenitori ben strutturati il cibo riuscirà a mantenere le sue caratteristiche organolettiche, con grande soddisfazione per i clienti e potranno consumarlo con soddisfazione e risulteranno più propensi a tornare.

Sei proprietario di una realtà che opera nel settore della ristorazione? Ti senti pronto a introdurre la doggy bag per accontentare i clienti che chiederanno di poter portare a casa i loro avanzi?

Se hai già un’idea in mente o se vuoi trovare proposte che fanno al caso tuo, sappi che noi possiamo aiutarti!

Contattaci!