L’ imballo più sostenibile del mondo

 In magazine

L’ IMBALLO PIÙ “SOSTENIBILE” DEL MONDO

Perché scegliere un imballo Assograph per uno smaltimento post uso semplice e sicuro

 

Del cartone non si butta niente. Se c’è un materiale ecologico, quello è proprio il cartone: può essere riciclato infinite volte. Fa proprio parte di quei materiali che possono essere raccolti e separati facilmente senza spreco economico, di tempo e senza inquinare l’ambiente. La cellulosa di cui è fatto l’imballo è una fibra naturale che si presta a essere riusata in modo eccellente. Viene dalla natura e alla natura può facilmente tornare.

Il cartone è infatti riciclabile e biodegradabile al 100%. Il suo riutilizzo permette non solo un notevole risparmio economico, ma garantisce anche il rispetto dell’ambiente, riducendo notevolmente il volume dei rifiuti che giungono in discarica.

Quando si parla di imballi facili da smaltire e poi riciclare,  la scelta non può che cadere su Assograph Italia e le sue soluzioni di imballi “tailored to needs” in mono materiale di cartone: veri imballi “sartoriali”, tagliati su misura dei diversi prodotti medio – durevoli che devono preservare.

Gli imballi di Assograph Italia sono, infatti, realizzati solo in cartone, non richiedono la separazione dei vari componenti (plastica, legno, poliuretano…) tipici di altre forme di imballi, prima di essere smaltiti nella raccolta differenziata.

Più progettazione per arrivare a più sostenibilità ed economicità. In una parola Assoindustria, l’imballo brevettato di Assograph Italia. L’imballo “intelligente” che agevola la vita di tutti, in primo luogo degli installatori, che possono raccoglierlo direttamente nel contenitore preposto alla raccolta differenziata dedicata a carta e cartone.

La metodologia di progettazione si basa sul concetto di LyfeCycleAssessment, ovvero l’analisi del ciclo di vita dei prodotti. In sintesi, significa pensare al packaging in tutto il suo ciclo di vita, dalla produzione alla logistica, dalla distribuzione al consumo, fino al suo riciclo e nella progettazione delle varie fasi minimizzare al massimo gli impatti negativi e gli sprechi.

Una vera rivoluzione: un imballo mono materiale in cartone interamente riciclabile. La sostenibilità ambientale ed economica insieme all’efficacia degli imballi sono il binomio che costituisce la linea guida della progettazione e produzione di Assograph Italia.

L’obiettivo di Assograph è perseguire la progettazione ingegneristica, la ricerca e la sperimentazione continue, per produrre imballi in mono materiale di cartone per beni medio durevoli. Un pensiero imprenditoriale coerente e consapevole delle necessità di clienti: ottimizzazione dei tempi nel flusso di lavoro per lo smaltimento degli imballi post uso, facilità nella raccolta differenziata, incremento del riciclo, di conseguenza di sostenibilità ambientale.

Una catena di plus valore che si inserisce in un percorso di “economia circolare”. Quell’economia per la quale un materiale viene usato, smaltito e poi reintrodotto nel ciclo produttivo senza che vi sia alcun prelievo di nuova materia prima dall’ambiente. Un percorso virtuoso, sostenibile sia dal punto di vista ambientale che economico. Uso e riuso della cellulosa di cui è fatto l’imballo in cartone, in questo caso.

Il tutto avviene attraverso uno smaltimento semplice che non prevede lo smontaggio dell’imballo stesso per essere ripulito da altri materiali come legno o polistirolo, materiale quest’ultimo molto difficile da riciclare in modo sostenibile: per il polistirolo non è prevista una raccolta differenziata dedicata e quindi è smaltito nell’indifferenziato con notevoli danni per l’ambiente.

Un percorso dell’imballo sostenibile al 100% che non ha una fine una volta che il prodotto da imballaggio è stato usato. Non c’è consumo in senso proprio, c’è la sua reintroduzione nel processo produttivo sotto forma di nuova materia prima con la quale generare un nuovo imballo pronto per essere di nuovo usato.

Assograph è tutto questo: progetta, studia e produce imballi che tengono conto di ogni fase del ciclo di vita del prodotto, che considerano tutte le possibili conseguenze di un “cattivo” design e minimizzano l’impatto che esso può produrre per il futuro del pianeta e delle generazioni che ci seguiranno. Vieni a trovarci per scoprirne di più e trovare insieme nuove soluzioni per i tuoi prodotti!

 

 

 

 

Recommended Posts